Uffici: Lun - Ven: 8:00 - 12:30 / 14:00 – 17:30 Sab – Dom: chiuso

I gruppi di pompaggio antincendio: tipologie e funzionamento

gruppi di pompaggio antincendio

I gruppi di pompaggio antincendio sono una componente fondamentale per un impianto antincendio efficace e sicuro. 

Si tratta di dispositivi progettati per pompare grandi quantità di acqua o schiuma ad alta pressione attraverso idranti e testine di erogazione, allo scopo di estinguere l’incendio il più velocemente possibile.

 

Come si compone un gruppo di pompaggio antincendio

I gruppi di pompaggio antincendio sono composti da una o più pompe di servizio, alimentate da motori elettrici o endotermici a diesel, e da una pompa di compensazione (detta anche “pilota” o “jockey”).

La pompa di compensazione: la normativa UNI EN 12845 non richiede espressamente l’installazione di una pompa per il mantenimento costante della pressione, tuttavia è prevista in quasi tutti gli impianti per mantenerne costante la pressione attraverso la compensazione di eventuali piccole perdite strutturali. evitando così l’inopportuno avviamento delle pompe principali. Lo spegnimento è automatico al ripristino della pressione.

La pompa di servizio (o alimentazione) è l’elemento principale del gruppo, che consente di pressurizzare il fluido ed immetterlo nella rete. 

Comunemente, si installano fino a 3 pompe principali: la UNI EN 12845 prevede l’installazione di una sola pompa alimentata da motore elettrico, mentre le altre due sono alimentate da motore endotermico diesel. Nel caso in cui il gruppo antincendio sia composto da 3 pompe principali, due di esse lavorano in parallelo, fornendo ciascuna il 50% della portata complessiva dell’impianto.

Il motore garantisce il funzionamento della pompa e può essere elettrico o diesel con raffreddamento ad aria diretta, con scambiatore di calore acqua-acqua o con radiatore.

La normativa UNI EN 12845 prevede che le pompe principali abbiano ciascuna un quadro elettrico di controllo dedicato, con display e scheda elettronica per il controllo e comando della pompa. Il quadro elettrico deve essere in grado di avviare automaticamente il motore in seguito a segnalazione da parte dei pressostati, ma deve anche permetterne l’avviamento e l’arresto manuale.

La riserva idrica è un serbatoio di accumulo di acqua a cui attinge il gruppo di pompaggio antincendio per il suo funzionamento. 

Il dimensionamento della riserva idrica per la definizione della capacità utile minima viene stabilito dal progettista in base all’area di rischio incendio. 

Il volume minimo di acqua deve garantire il funzionamento continuativo dell’impianto per la durata minima prevista per ogni diverso livello di classificazione di rischio dell’edificio.

 

Le tipologie dei gruppi di pompaggio antincendio

Esistono diversi tipi di gruppi di pompaggio antincendio, a seconda delle specifiche esigenze del progetto. La normativa UNI EN 12845 ne disciplina tipologie ed uso, e dà indicazioni su quali configurazioni preferire.

Installazione ad asse orizzontale in posizione sottobattente
È la configurazione preferibile secondo la norma UNI EN 12845:2020, per la sua semplicità di smontaggio . L’alimentazione sottobattente deve prevedere almeno i 2/3 della capacità effettiva del serbatoio di aspirazione al di sopra del livello dell’asse della pompa. Inoltre, l’asse della pompa non deve essere più di 2 mt. al di sopra del livello minimo dell’acqua nel serbatoio di accumulo.

Installazione ad asse orizzontale in posizione soprabattente con pompe sommerse
La UNI EN 12845:2020 la sconsiglia: è prevista solo nel caso in cui non sia possibile implementare la sottobattente o le vertical turbine pumps.
La configurazione soprabattente prevede che i 2/3 della riserva idrica NON siano al di sopra dell’asse della pompa. La distanza tra l’asse delle pompe e il punto più basso dell’aspirazione non deve superare i 3,2 mt.
Inoltre, sulle tubazioni di aspirazione è obbligatorio montare le valvole di fondo, e l’adescamento di ogni pompa principale deve essere garantito da un serbatoio da 500 lt., posizionato al di sopra di esse.

Installazione con pompe vertical turbine.
Questo tipo di configurazione prevede un gruppo di pressurizzazione con pompe verticali, dove il corpo della pompa è immerso nella riserva idrica interrata mentre il corpo motore è alloggiato all’interno del locale tecnico dedicato: per questo l’installazione con vertical turbine è considerata sottobattente. Il funzionamento delle pompe non è legato ai serbatoi di adescamento.

 

Il sistema di funzionamento

Come stabilisce la norma UNI EN 12845, le pompe di alimentazione del gruppo antincendio sono avviate da una coppia di pressostati, attraverso il quadro elettrico di comando pertinente a ciascuna pompa.  I quadri elettrici di comando sono dotati di segnalazione di pompa in funzione.

Le pompe devono funzionare costantemente fino all’arresto, che avviene solo con comando manuale. Quando le pompe vengono avviate, può attivarsi simultaneamente un segnalatore sonoro e luminoso a distanza. 

Tale segnalatore può indicare la mancanza della tensione, la mancanza d’acqua e la posizione non corretta delle valvole di intercettazione in mandata e in aspirazione.

La pompa di compensazione, che ha una capacità inferiore rispetto alle pompe di alimentazione, entra in funzione in caso di piccole perdite dell’impianto. 

Viene avviata e fermata automaticamente da un proprio quadro elettrico con un pressostato tarato leggermente più alto rispetto a quello della pompa di alimentazione. L’arresto avviene quando la pressione dell’impianto viene ripristinata. 

 

Come può aiutarti Fiamma? Che servizi offriamo?

È importante ricordare che l’utilizzo dei gruppi di pompaggio antincendio deve essere supportato da una pianificazione preventiva e una formazione adeguata del personale per garantire che gli impianti siano sempre pronti a rispondere in caso di emergenza.

Fiamma offre ai propri clienti un servizio completo di progettazione dei gruppi di pompaggio  per dimensionare le caratteristiche dello stesso secondo le esigenze presentate. Inoltre, consulenza e assistenza tecnica durante le fasi di montaggio garantiscono un’installazione corretta secondo la regola dell’arte e una garanzia al cliente di una realizzazione ben fatta ed affidabile.

Forniamo inoltre il servizio di manutenzione dei gruppi di pompaggio, atto a mantenere e garantire l’efficienza e l’efficacia nel tempo.

 

Contattaci per saperne di più e richiedere una prima consulenza gratuita ai nostri tecnici!

TI POTREBBE ANCHE INTERESSARE...

Contattaci per avere una prima consulenza gratuita!

Seguici